SEM – Marketing sui motori di ricerca

Il marketing sui motori di ricerca (SEM per Search Engine Marketing) è un settore del marketing online. Comprende tutte le misure per attrarre i visitatori di un sito Web tramite i motori di ricerca di Internet. Il marketing sui motori di ricerca è diviso in due sezioni: ottimizzazione dei motori di ricerca (abbreviazione SEO per Search Engine Optimization) e pubblicità sui motori di ricerca (in breve SEA per Search Engine Advertising). La prima sezione è l’ottimizzazione del proprio sito Web per buoni posizionamenti nei risultati organici di ricerca di un motore di ricerca. La seconda sezione è rappresentata dagli annunci a pagamento che i motori di ricerca visualizzano al lato dei loro risultati di ricerca naturali per la monetizzazione e generazione di reddito. Questi verranno visualizzati nella pagina dei risultati di ricerca in base al principio della pubblicità delle parole chiave.

Marketing sui motori di ricerca come fonte di visitatori

I motori di ricerca, in particolare Google come leader del mercato, sono la fonte più importante di visitatori per molti siti Web. Di conseguenza, anche il marketing sui motori di ricerca è molto importante nel mix di marketing della maggior parte delle aziende. Lo scopo del marketing sui motori di ricerca è migliorare la visibilità all’interno delle liste dei risultati dei motori di ricerca, per cui le misure sono principalmente rivolte solo a Google, perché questo ad esempio nell’Europa occidentale viene utilizzato per circa il 90% delle ricerche su Internet. I risultati della ricerca sono divisi tra i risultati organici di ricerca, che possono essere influenzati dall’ottimizzazione dei motori di ricerca, e gli annunci pubblicitari acquistati, che rappresentano la quota effettiva del marketing dei motori di ricerca.

Le misure di marketing dei motori di ricerca dovrebbero portare a posizionare la propria pubblicità o il proprio sito Web nei primi posti nei risultati dei motori di ricerca. I risultati organici dei motori di ricerca non sono in concorrenza con gli annunci pubblicitari rispetto ai risultati organici di una query di ricerca. La loro visualizzazione è visivamente e spazialmente separata l’una dall’altra. La successione viene inoltre determinata indipendentemente, poiché sia ​​i risultati organici di una ricerca che gli annunci accanto o al di sopra degli risultati organici si basano su fattori di classificazione diversi e propri che hanno un determinato peso all’interno degli algoritmi del motore di ricerca. Il leader di mercato Google utilizza una serie di fattori influenti per determinare l’ordine dei risultati organici e a pagamento, fattori che non vengono divulgati al pubblico. Pertanto, un vero e proprio “clamore” è sorto soprattutto attorno all’ottimizzazione dei motori di ricerca per i risultati organici.

Gli annunci pubblicitari a pagamento sono collocati accanto alle SERP secondo il principio della pubblicità per parole chiave. Ciò significa che gli inserzionisti memorizzano determinate parole chiave per i loro annunci, in base alle quali vogliono che i loro annunci vengano visualizzati. Ciò garantisce generalmente che solo i risultati che corrispondono alla tematica della ricerca vengano visualizzati negli annunci pubblicitari, il che teoricamente può aiutare l’utente nella sua ricerca. Pertanto, le percentuali di clic sono generalmente più elevate rispetto ai banner pubblicitari classici. Uno dei fattori di posizionamento per gli annunci di ricerca sulla rete AdWords di Google e altre reti pubblicitarie è il prezzo per clic (PPC, pay per click) che l’inserzionista è disposto a pagare a Google o ad altri fornitori, come Yahoo, per un visitatore. Ma anche altri fattori come la percentuale di clic svolgono un ruolo nell’ordine dei risultati.

Condividi questa pagina