Dominio

Un dominio è una componente del sistema di nomi di dominio gerarchico (abbreviato in DNS). È un nome unico su Internet, univoco e liberamente selezionabile in un dominio di primo livello nella procedura di assegnazione in base a determinate regole.

Nella lingua italiana parlata, il dominio si è affermato come indirizzo Internet. Il nome può essere tradotto in italiano con “area”. Un dominio innanzitutto rende facile da ricordare un indirizzo Internet. Ogni sito Web può essere chiaramente identificato da un cosiddetto indirizzo IP. Tuttavia, gli indirizzi IP sono costituiti da molti numeri che sono separati in blocchi tramite punti. In linea di principio, basta un indirizzo IP per accedere al sito Web associato. Un dominio è quindi superfluo da un punto di vista puramente tecnico, ma non lo è per ragioni di facilità d’uso. Gli indirizzi IP sono estremamente difficili da ricordare, soprattutto perché potrebbe trattarsi di numeri contorti. Pochissime persone hanno memoria fotografica.

Qui entra in gioco il dominio. Perché è molto più facile memorizzare parole e lettere che sequenze di numeri. Per questo motivo, generalmente viene specificato il dominio per un sito Web e utilizzato per accedervi, anziché digitare le lunghe stringhe di numeri nella barra degli indirizzi del browser. Grazie al dominio, tuttavia, i siti Web possono pensare a un nome il più semplice possibile da ricordare e quindi comunicarlo e diffonderlo nell’ambito del loro marketing online.

Creare un dominio

Le regole esatte per l’assegnazione del nome sono stabilite da NIC (acronimo di Network Information Center) del rispettivo dominio di primo livello. Un dominio può essere diviso in sottodomini separati da punti. Un dominio è un nome globale univoco di un sito Web ed è creato seguendo sempre lo stesso principio, inoltre comprende più domini. Il cosiddetto dominio di terzo livello è anche chiamato sottodominio ed è lì per dirigere un determinato utilizzo. Tramite il dominio di terzo livello “www.”, che si trova prima del dominio di un sito Web, si accede ad esempio a un classico server Web sul quale vengono salvati i siti Web. Sottodomini aggiuntivi possono essere assegnati liberamente, ad esempio “mobil.” per l’inoltro al sito Web mobile o “blog.” per il blog di un’azienda.

Il secondo componente di un dominio è il dominio di secondo livello. Questo è il nome di un sito Web o di un indirizzo Internet, ad es. “Google”. Anche in questo caso, le aziende e i privati ​​possono scegliere il nome relativamente liberamente sotto determinati requisiti, a condizione che il nome di dominio sia ancora libero. Il dominio di primo livello include il prefisso internazionale come “.it” per un sito Web italiano o “.ch” per un sito Web svizzero. La più nota in tutto il mondo, tuttavia, è la descrizione funzionale “.com”, che viene spesso classificata come indirizzo web per gli Stati Uniti, ma generalmente significa “commerciale”.

Condividi questa pagina